L’Olismologia non è una nuova specializzazione. Si inserisce nel campo della Medicina Integrata con una forma mentis e un modus operandi inediti, che consentono di ottenere, in tempi brevi, risultati di immediata evidenza in molti stati patologici che sfuggono alla pratica clinica tradizionale o che da essa non traggono beneficio. L’approccio semeiotico olismologico valuta la globalità psico-fisica di ogni singolo paziente con un atto medico completo, diretto, unitario e simultaneo, che traduce e decifra pienamente la voce dell’hardware e del software corporeo. Il corpo del paziente torna così al centro dell’attenzione: è esaminato con mezzi semplici biocompatibili a misura d’uomo e la sua persona è ascoltata, compresa e curata nella sua unicità e totalità, descritta in pienezza, come soggetto protagonista di quanto avviene e non come oggetto d’indagine. L’impianto teorico della disciplina è caratterizzato da concetti e princìpi autonomi basati sulle conoscenze accademiche dell’Anatomia, della Fisiologia, della P.N.E.I.-S. (Psico-Neuro-Endocrino-Immuno-Somato-logia (P.N.E.I.S.) e della Fisica applicata alla Biologia. L’impianto pratico, diagnostico e nel contempo terapeutico, utilizza varie tecniche: la Manipolazione Clinica (fisica, posturale, emozionale e somato-psichica); l’Estimologia Clinica (posturale, energetica, organica, funzionale, alimentare ed emozionale); le terapie biologiche informazionali (fitoterapia, omotossicologia, floriterapia e altri rimedi vibrazionali). È il testo del Master di Olismologia aperto a medici, specialisti, laureati dell’area sanitaria, psicologi, osteopati e naturopati, ma può essere istruttivo anche per il pubblico.

 

OLISMOLOGIA, LA DISCIPLINA DELLA SINTESI
Lorenzo Paride Capello
Tecniche Nuove, 2013, Pag 407, 39,90 euro