Il fagiolo ricco di 5-HTP che aiuta a sorridere

La griffonia (Griffonia semplicifolia) è una pianta tipica del continente africano occidentale i cui semi maturi contengono un’elevata quantità di 5-HTP ovvero 5-idrossitriptofano, precursore della serotonina (5-HP), il cosiddetto ormone della felicità. Le trasformazioni che portano alla formazione di questa preziosa molecola, avvengono a livello delle sinapsi cerebrali e coinvolgono i neurotrasmettitori, per cui si è rilevato che una sua diminuzione può causare depressioneinsonnia o altri disordini, anche di tipo alimentare. Alcuni studi hanno dimostrato infatti che spesso alla base della depressione, rappresentata quotidianamente da umore depresso accompagnato da una complessa sintomatologia quale tristezza, perdita di interesse e problemi del sonno, vi è quasi sempre un’alterazione biochimica a livello cerebrale caratterizzata dalla carenza di alcune sostanze neurotrasmettitrici  quali noradrenalina, dopamina o serotonina.

Quindi perché integrare il 5-HTP nei soggetti con queste caratteristiche?

Perché il 5-idrossitriptofano ha la caratteristica di riuscire ad attraversare facilmente la barriera ematoencefalica ed essere trasformato in serotonina, cosa che mette la sua efficacia in comparazione con alcune tra le più famose sostanze sintetiche. Queste ultime agiscono in modo differente infatti non stimolano la serotonina ma fanno in modo che rimanga solo più tempo in circolo.
Inoltre il 5-HTP ricavato da griffonia, pianta officinale di cui generalmente si impiega il fitocomplesso, ha anche il vantaggio di non creare assuefazione o dipendenza come le sostanze antidepressive di sintesi chimica, e non ha nessun effetto negativo in seguito ad un iper-dosaggio.

La capacità di griffonia di aumentare i livelli di serotonina del sistema nervoso centrale ha portato ad incentrare gli studi che la riguardano soprattutto sul trattamento della depressione. È risultata anche molto utile contro gli attacchi di panico, con una significativa riduzione del numero degli attacchi stessi, delle reazioni eccessive e della manifestazione dei sintomi correlati. Dall’analisi dei suoi effetti, si è notata anche la sua efficacia saziante che provoca una riduzione dell’appetito, soprattutto verso cibi contenenti carboidrati e zuccheri.
Griffonia è dunque l’ideale anche in caso di fame nervosa dove, oltre alla voglia di mangiare per stress o disagio, si aggiunge il bisogno psicologico di compensazione col cibo. Diventa quindi molto utile per persone con problemi di obesità o sovrappeso.

a cura dello Staff tecnico Fitoben – integratori naturali Milano