Se non sono solo i numeri a decretare la buona riuscita di un evento come FruttAmaMi, lo sono certamente il parere unanime degli espositori e degli sponsor, che hanno ricevuto visite ininterrotte di pubblico ai propri stand. Anche i riscontri per chef, foodblogger, ospiti, medici ed esperti hanno confermato unanimemente l’alto livello degli interventi. L’approccio multidisciplinare dei temi ha toccato trasversalmente i mondi dell’alimentazione, della scienza, della fisica, della medicina, delle discipline naturali, della ristorazione, delle scelte alternative e della cosmetica con non pochi spunti di intrattenimento del pubblico tra l’affascinato, lo stupito e il divertito. Il tutto diretto magistralmente da Rossella De Focatis, presidente di Sapere Academy e ideatrice di Fruttamami

Nomi di grande spessore

Sicuramente a fare da traino a un format di nicchia e per questo di particolare qualità e interesse anche per i media sono stati i nomi “eccellenti” che hanno coronato un parterre di speaker già di assoluto interesse: lo chef veg stellato Pietro Leemann, Ambassador già dalla prima edizione, il maestro Peppe Vessicchio con i suoi esperimenti sul cibo e la musica e le affascinanti digressioni nel mondo del suono e del silenzio, il mental coach Roberto Re e le sue “iniezioni di energia motivazionale”.

E si lavora già per la prossima edizione

Ripercorrere due giorni di conferenze e riflessioni, show cooking ed esperimenti a parole sarebbe riduttivo; per questo non possiamo che segnalare la ricca rassegna stampa e la gallery sul sito www.fruttamami.com e la social story di questi giorni sulle pagine Facebook e Instagram.

Soprattutto, diamo già da ora appuntamento alla terza edizione, ad aprile 2020, perché FruttAmaMi è già al lavoro con nuovi progetti per continuare a crescere. Resta connesso!