Si sono tenute oggi a Milano le esequie, in forma laica, del professor Emilio del Giudice. Fisico e scienziato di rilevanza internazionale, lo conosciamo anche per le sue ricerche sulla memoria dell’acqua e la fusione fredda.
Nonostante lo scetticismo, spesso fuori luogo di alcuni colleghi, il professore è stato sempre sulla frontiera, battendosi come un leone con le sue lavagne piene di calcoli, in sedi scientifiche prestigiose, in tutto il mondo.
Negli ultimi tempi, insieme al suo team, ha realizzato importanti esperimenti che hanno rilanciato la ricerca sulla memoria dell’acqua. Lui la chiamava ‘acqua informata’, o ‘coerente’. Un patrimonio di conoscenze che non andrà disperso. 
Chi l’ha conosciuto personalmente ha apprezzato le qualità umane, la generosità, la curiosità e la straordinaria apertura mentale. Era sempre un piacere avere a che fare con lui.
Tra le ultime interviste che ha rilasciato c’è anche la nostra, risale a qualche mese fa. La riproponiamo per dedicargli un pensiero, in questa nostra pubblicazione online.