Fa bene al cuore. La musica yoga poco prima di prendere sonno ha un effetto positivo sui parametri della funzione cardiaca. Lo dice lo specialista indiano Naresh Sen in una presentazione al più importante congresso di Cardiologia europeo (European Society of Cardiology) che si è svolto in agosto a Monaco di Baviera.

Azione sui battiti del cuore

La musica yoga aumenta la variabilità della frequenza cardiaca: ottima cosa. Infatti, se questo parametro è basso il rischio di incorrere in un primo evento cardiovascolare aumenta considerevolmente (32-45%). E’ noto anche che nelle persone che hanno già avuto un infarto e che hanno una bassa variabilità sono più a rischio di incorrere in un secondo infarto e di morire. La cardiologia moderna è oggi molto interessata a questo genere di studi per la salute del cuore.

Più capacità di adattamento

In cardiologia è già noto che la musica in genere riduce l’ansia in chi soffre di queste malattie: è importante che il cuore sia capace in ogni momento di adattarsi ai momenti difficili (quelli che scatenano l’ansia) e la variabilità del ritmo cardiaco segnala un’elevata capacità di adattamento. E, conseguentemente, protezione contro gli eventi cardiovascolari. Ma non è chiaro che tipo di musica riesca a fare questo.

Meglio del pop e del silenzio

Così, il dottor Naresh Sen ha provato con la musica yoga, appartenente alla tradizione indiana. Quindi l’ha somministrata alle persone coinvolte nello studio (giovani e sane) poco prima che prendessero sonno. Ad altre persone ha fatto ascoltare pop music o semplicemente il “silenzio”. Risultato: solo la musica yoga aumenta la variabilità, mentre la musica pop la riduce e il silenzio non ha alcun effetto. Inoltre, l’ansia si riduce solo con i suoni e le melodie indiane, almeno in questa indagine. Per la cardiologia sono risultati da prendere in considerazione.

In aggiunta alle altre terapie

«Gli indiani – dice il cardiologo – hanno sempre pensato che varie terapie, oltre ai farmaci, avessero un ruolo nella cura delle persone. Ascoltare una musica calmante o di carattere meditativo prima del sonno è un modo facile ed economico per implementare le terapie. E non crea alcun danno». La musica yoga – precisa – non sostituisce le terapie convenzionali per le malattie del cuore.