Quando una dieta può essere ritenuta valida? Quando è veloce, cioè consente di perdere tanti chili in fretta? No, non è così. Oppure quando segue i dettami della dieta mediterranea, ritenuta tanto salutare? In parte sì: questo tipo di alimentazione salvaguarda importanti aspetti nutrizionali, ma dal punto di vista dimagrante non sembra essere così efficace.

Ciò che serve, invece, è un’alimentazione che agisca su uno dei principali meccanismi biologici che regolano il tessuto adiposo. Nel contempo deve essere in grado di soddisfare tutte le necessità dell’organismo: controllare la fame, fornire energia e benessere, mantenere o migliorare la salute. In pratica, una dieta che possa essere seguita senza sforzo nel tempo e che consenta di utilizzare i grassi depositati come fonte di energia primaria, così da avere un effetto dimagrante naturale e fisiologico. In una parola serve la Zona, il metodo alimentare nato in America, ma che in realtà è l’evoluzione della dieta mediterranea perché consiglia l’utilizzo di tutti i suoi alimenti migliori, limitando però quelli che, oltre a far ingrassare, tolgono un po’ di salute, di lucidità e di efficienza.

Seguire la dieta Zona significa quindi mangiare in modo equilibrato e mantenere la giusta energia per affrontare la vita di tutti i giorni.

Gigliola Braga, punto di riferimento in Italia e allieva prediletta dell’inventore Barry Sears, ci spiega in che cosa consiste la ZONA e perché fa bene, per le donne in particolare ma non solo.

Leggi l’articolo integrale sul nuovo numero de L’altra medicina magazine, in edicola fino al 19 settembre