E io mi faccio una zuppa di zucca!

Il clima generale non è molto allegro. Infatti ho smesso di accendere la TV. Poi fa freddo e c’è poca luce là fuori. Allora, ho pensato: mia nonna faceva la zuppa di zucca e se me la preparassi anch’io?
Avevo bisogno di qualcosa di delicato e di semplice, una zuppa anti-stress. Il solo fatto di mettermi ai fornelli e di tenere in mano una zucca cambia il mio umore. La natura pensa a noi: nella zucca ci sono molti principi nutritivi e sono proprio quelli di cui abbiamo bisogno per metterci al riparo dai malanni di stagione. Lo vediamo dopo.
La ricetta è per tutti. Per due persone basta un porro (o una cipolla), una patatina, e una mezza zucca. Facciamo prima un soffritto con il porro e aggiungiamo i pezzetti di zucca e di patata.
Poi mettiamo un brodo vegetale, a piacere, e quando bolle cuociamo, a pentola scoperta, per una ventina di minuti. Se avete tempo e vi sentite in vena, fate un mazzetto delle vostre erbe aromatiche preferite (salvia, prezzemolo, maggiorana, basilico…) e riponete nel brodo con la zucca e la patate. Prima di frullare, però, rimuovete il mazzetto.
Frulliamo il tutto quando è ancora caldo, se è troppo denso, non facciamo le persone rigide, e aggiungiamo un po’ d’acqua bollente. Non esiste una regola, ciascuno ha le sue preferenze.
Poco prima di versare nella scodella, aggiungete qualche cucchiaio di crema di soia e frullate per qualche secondo. Rende la zuppa morbida, vellutata, carezzevole, piena di calore e di intimità. Sopra la zuppa, in presentazione, mettete un ricciolo di crema di soia e un po’ di erba cipollina.
A parte, tostate qualche fetta di pane toscano, meglio se integrale, che potete insaporire come volete a seconda dei gusti (mio nonno, che non andava per il sottile, ci passava sopra mezzo spicchio d’aglio che però a me non piace). Lo dice il nome stesso: nella zuppa si inzuppa…
Le varianti sono molteplici, una mia amica aggiunge un po’ di zenzero grattuggiato. Un’altra preferisce spolverare di cannella. Oppure c’è chi usa il pepe, il curry, il prezzemolo. Spazio alla fantasia. La cosa migliore è mettere le spezie sul tavolo, e fare scegliere ai commensali.
E i semini che di solito finiscono in pattumiera? Non buttateli, a breve ne riparliamo.
Proprietà della zucca in breve. E’ ricca di carotenoidi di cui sono note le azioni preventive e anti-aging: ebbene sì, sono antiossidanti a basso costo e aiutano le difese immunitarie a reagire contro i virus della stagione fredda. Sembra che la zucca abbia anche la capacità di regolare il metabolismo degli zuccheri e di ridurre il rischio diabete. Inoltre, contiene buone quantità di vitamina C (antiossidante), calcio (contro l’osteoporosi), potassio (come le banane) e fosforo.
(g.a.)