Il sistema immunitario è la nostra barriera protettiva contro i possibili attacchi da parte di virus e batteri. Le difese immunitarie però, possono indebolirsi facendoci diventare dei facili bersagli. Questo accade soprattutto in inverno, nei cambi stagione ma anche per lo stress.

Le nostre difese possono essere indebolite dal clima come da sbalzi di temperatura o dall’esposizione al freddo prolungato oppure da situazioni di forte stress psico-fisico che danneggia il nostro equilibrio corporeo. Gioca un ruolo importante anche l’alimentazione che, se squilibrata può essere un altro fattore come anche certe patologie o l’abuso di alcuni farmaci. Il nostro corpo diventa così inefficiente sotto l’aspetto immunitario e suscettibile a infezioni da parte di virus, batteri, funghi e parassiti.

Una buona regola resta sempre un classico ma efficace consiglio, seguire un sano stile di vita con un’alimentazione equilibrata sostenuta da un regolare esercizio fisico, dei ritmi non stressanti e una buona dose di ore di sonno ristoratore. A volte però, i ritmi frenetici della nostra quotidianità non possono essere fermati e, anche se ci si impegna a prendersi cura di sé e a mangiare bene, lo stress fatica a diminuire e diventiamo vulnerabili.

La fitoterapia offre da sempre una soluzione efficace consigliando piante e principi attivi che la Natura ci offre per portare sostegno e aiuto al corpo e fare fronte ai malanni di stagione. 

Le piante per il sistema immunitario

  • Echinacea: uno tra i rimedi più famosi, la sua efficacia terapeutica nel trattamento e nella prevenzione di malattie da raffreddamento, come quella da rhinovirus, è stata confermata in molti studi. Stimola il sistema immunitario aumentando l’attività delle cellule legate alla difesa dell’organismo. Aiuta ad eliminare un’ampia gamma di virus, batteri e funghi anche grazie alla presenza di un principio attivo, l’echinacoside, che agisce come una sorta di antibiotico naturale ad ampio spettro.
  • Tabebuia: conosciuta anche come Lapacho o Pau d’arco, ha dimostrato avere proprietà antivirali grazie alla capacità di inibire la moltiplicazione dei virus. Nota anche l’attività antimicrobica su batteri gram-negativi e gram-positivi e dei miceti (funghi).
  • Astragalo: usato come tonico dell’energia vitale nella medicina tradizionale cinese, ha azione immunostimolante e di difesa dell’organismo grazie ad un incremento della produzione delle cellule del sistema immunitario. Cresce spontaneo anche in Italia. Contiene numerosi principi attivi necessari per rafforzare le naturali difese dell’organismo durante l’inverno e con gli sbalzi di temperatura. Inoltre è un ottimo depurativo per le tossine di fegato e reni, utile sia nella prevenzione che per ristabilirsi dopo un malanno. 
  • Uncaria: è una pianta della famiglia delle Rubiacee che cresce e si sviluppa nelle foreste dell’Amazzonia peruviana. Gli indiani del Perù si servono di alcune parti della Uncaria detta anche “Una de gato” da centinaia di anni per risolvere moltissimi problemi e malattie. Ha un’attività antinfiammatoria e immunostimolante (aumenta linfociti T, B e la fagocitosi), antiossidante ed antivirale. È utile per rinforzare le naturali difese dell’organismo.
  • Noni: è un frutto polinesiano il cui nome scientifico è Morinda citrifolia. Il suo succo rafforza il sistema immunitario, ha proprietà antinfiammatorie, antibatteriche e facilita l’assimilazione di elementi nutritivi quali vitamine, sali minerali e aminoacidi.

Gli attivi

  • Vitamina C: importantissima per il corretto funzionamento dell’organismo, interviene in svariati distretti del corpo e anche ovviamente nel sistema immunitario aumentando la resistenza alle infezioni e accelerando la guarigione dalle malattie infettive. In natura ne sono ricchissime la rosa canina e l’acerola, dai cui frutti si ricava un estratto molto titolato.
  • Propoli: prodotto delle api ottenuto elaborando particelle di resina. Conosciuta e usata fin dall’antichità, è considerata un “antibiotico naturale” ad azione antibatterica e antifungina. La sua forza è la sua ricchezza di principi attivi. È costituita infatti da una frazione gommo-balsamo-resinosa, una frazione cerosa, olii essenziali, polline, vitamine (B1, B2, B6, PP, C e E), sali minerali (Ca, Cu, Fe, Mn, Si, Al) e flavonoidi.
  • Zinco: è un elemento necessario e fondamentale per lo sviluppo di una corretta risposta immunitaria. Rappresenta il secondo metallo, dopo il ferro, più abbondante nell’uomo. Svolge infatti un’ampia gamma di ruoli biologici: è fondamentale per la crescita, lo sviluppo, interviene nel metabolismo ormonale, facilita la depurazione e l’eliminazione di scorie dall’organismo, è antiossidante. Una sua carenza abbassa le difese immunitarie.
  • Vitamina D: o vitamina del sole, importantissima per il benessere delle ossa e per la prevenzione di problematiche quali osteoporosi, osteopenia e rachitismo ma coinvolta anche nel funzionamento del sistema immunitario. Ha infatti un’attività modulante ovvero aumenta la risposta immunitaria con un incremento dell’attività delle cellule immuno-competenti. Recenti studi dimostrano come la vitamina D influenzi la funzionalità dei macrofagi, cellule dell’immunità innata, dei fagociti e delle cellule T.

Dottoressa Emanuela Benassi
Responsabile scientifica di Fitoben